Vincere

video play

Sinossi

Benito Mussolini è alla direzione dell'Avanti! quando incontra Ida Dalser a Milano. Antimonarchico e anticlericale Mussolini è un ardente agitatore socialista impegnato a guidare le folle verso un futuro di emancipazione sociale. In realtà la Dalser lo aveva già fuggevolmente incontrato a Trento e ne era rimasta folgorata.

Ida crede fortemente nelle sue idee: Mussolini è il suo eroe. Per lui, per finanziare la fondazione del Popolo d’Italia, il giornale che diventerà il nucleo del futuro Partito Fascista, vende tutto: appartamento, salone di bellezza, mobilio, gioielli.
Allo scoppio della guerra Benito Mussolini si arruola e scompare dalla vita della donna. Ida lo rivedrà in un ospedale militare, immobilizzato e accudito da Rachele, appena sposata con rito civile. Furente si scaglia contro la rivale rivendicando di essere lei la vera moglie, di avergli dato un figlio, ma viene allontanata a forza.
Ida è una donna dalle reazioni esplosive, incapace di accettare compromessi. Disconosciuta, sorvegliata, pedinata, non si arrende, protestando la sua verità, scrivendo lettere a chiunque: alle autorità, ai giornali, al Papa. Rinchiusa in manicomio lei – in un istituto il bambino – per oltre undici anni, tra torture e costrizioni fisiche, non ne uscirà mai più e mai più rivedrà suo figlio, a cui toccherà la stessa disperata sorte di esistenza cancellata.

Anno: 2009 Durata: 128 min.

Note di regia

Nella vita di Mussolini c’è uno scandalo segreto: una moglie e un figlio – concepito, riconosciuto e poi negato.
Questo segreto ha un nome: Ida Dalser.
Una donna che grida la sua verità fino alla fine, nonostante il disegno del regime di distruggere ogni traccia che la colleghi al Duce.
Per il regime Ida Dalser è una minaccia, una donna da rinchiudere in un ospedale psichiatrico – lontano dal figlio, dalla famiglia, dalla gente – dove tuttavia, incapace di sbiadire nell’ombra e forse salvarsi, continua a rivendicare il suo ruolo di moglie legittima del Duce e madre del suo primo figlio maschio Benito Albino Mussolini.
Le loro due esistenze sono state cancellate dal mondo e dalla memoria.
Una pagina oscura che la storiografia ufficiale non racconta.

Marco Bellocchio

Regista

Nasce a Piacenza nel 1939. Nel ’59 interrompe gli studi di filosofia alla Cattolica di Milano e si iscrive a Roma al Centro Sperimentale di Cinematografia.

Scopri di più »

Cast artistico

Galleria

IMG_0567
IMG_0943
IMG_1209
MA (82)
IMG_0343 (100)
vincere025
vincere054
vincere071
vincere081

Cast tecnico

Regia e soggetto

Marco Bellocchio

Sceneggiatura

Marco Bellocchio

Daniela Ceselli

Fotografia

Daniele Ciprì

Musiche

Carlo Crivelli

Casting

Stefani Ade Santis

Montaggio

Francesca Calvelli

Scenografia

Marco Dentici

Costumi

Sergio Ballo

Suono

Gaetano Carito

Prodotto Da

Mario Gianani

Una Co-Produzione

Rai Cinema

Offside

Celluloid Dreams

Con il contributo di

DIREZIONE GENERALE PER IL CINEMA MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI, EURIMAGES, PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO, TRENTINO S.p.a., FILM COMMISSION TORINO PIEMONTE

In collaborazione con

Istituto Luce

Distribuzione

01 Distribution

Distribuzione Internazionale

Celluloid Dreams